Into Prealps bike adventure

51

Follower

Informazioni su Into Prealps bike adventure

Into Prealps è un evento cicloturistico bike adventure permanente e gratuito. Dei percorsi pensati per farti scoprire angoli della provincia di Vicenza davvero unici e sconosciuti. La bici ideale per percorre queste tracce è la gravel bike, ma puoi usare anche una MTB oppure una Ebike.
Into Prealps non è solo una traccia, ma una vera e propria avventura alla scoperta di luoghi meravigliosi.

Attività recenti
  1. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    7 giorni fa

    03:48
    43,5 km
    11,5 km/h
    830 m
    830 m
    1. Into Prealps bike adventure

      Questo percorso si svolge tra le colline di Isola Vicentina e Malo, dei luoghi appena sfiorati dagli anelli di Into Prealps. Un giro disegnato a tavolino che, sinceramente, ci ha sorpreso per la bellezza. Dolci colline, bei panorami, veloci single track e qualche sentiero più impegnativo del previsto… Un giro godibilissimo se si ha una buona tecnica di guida e comunque se si prende con calma.
      Guarda il video di questo percorso:

      • 6 giorni fa

  2. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    6 ottobre 2021

    04:35
    52,8 km
    11,5 km/h
    910 m
    910 m
    A Stefano Rigon piace questo.
    1. Into Prealps bike adventure

      Un anello che, partendo dal centro della città di Vicenza, sale sui Colli Berici e gira intorno al lago di Fimon. Tra belle sterrate, single track nel bosco e strade asfaltate poco trafficate, si arriva finalmente ad ammirare dall’alto il lago di Fimon. La discesa verso il lago avviene lungo il fianco del Monte dei Spillichi, con vista sul lago, su sentiero largo ma dal fondo impegnativo. Dopo il giro del lago, si ritorna costeggiando il versante opposto del monte, su veloce sterrata fino al paese di Fimon. Da qui si sale su asfalto a Perarolo e poi si affronta la lunga e veloce discesa (molto gravel) di Salve Regina che porta a S. Agostino. Si pedala sull’argine del fiume Retrone passando per l’omonimo parco, e si arriva ai piedi di Monte Berico, in località Gogna. Da qui salita per il sentiero del Parco di Villa Guiccioli e rientro a Vicenza centro.
      Un giro ad anello vario, di 50 km circa, tra sterrate veloci e sentieri nei boschi, vista sul lago e un po' di pianura, ma anche passaggi tra monumenti e luoghi di interesse storico e culturale che non possono lasciare indifferenti.

      • 7 ottobre 2021

  3. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    27 settembre 2021

    04:04
    40,2 km
    9,9 km/h
    1.340 m
    1.340 m
    A Edgar piace questo.
    1. Into Prealps bike adventure

      Il Monte Novegno fa parte delle Prealpi Vicentine, domina Schio ed è alto circa 1500 metri.
      L’accesso alla cima di questo monte in gravel bike, è possibile solo da una sterrata panoramica e ben tenuta che parte da Contrà Cerbaro, altri sentieri sono decisamente ostici e più adatti ad una mtb.
      Per realizzare questo percorso siamo partiti da Vicenza, ma la traccia che proponiamo vede per semplicità come punto di partenza e arrivo Schio, così che ognuno sia libero di scegliere il percorso di avvicinamento.
      Quindi si parte dal centro di Schio, e dopo qualche tratto trafficato e ciclabili, si arriva a Santorso, da dove il percorso inizia a salire. Salendo per stradine asfaltate ma prive di traffico, e sentieri nel bosco, spesso molti ripidi e con qualche tratto dove è necessario spingere, si spunta a Contrà Cerbaro, da dove si prende la strada che sale sul Monte Novegno. Inizialmente la strada è asfaltata, ma dopo pochi tornanti diventa una bella sterrata. La pendenza costante tra l’8 e il 10%, permette di mantenere un buon ritmo e godere del panorama circostante. Quando la sterrata termina, (cancello in metallo per le mucche) si svolta a destra verso malga Novegno, la croce di cima si trova di fronte a noi ed è raggiungibile a piedi.
      La discesa avviene per la stessa strada fino a Contrà Cerbaro, dove si svolta a destra per scendere a Poleo e arrivare così a Schio.
      Guarda il video di questo percorso:

      • 27 settembre 2021

  4. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    22 settembre 2021

    09:29
    112 km
    11,8 km/h
    1.970 m
    1.970 m
    1. Into Prealps bike adventure

      Un gravel sui generis, questo.
      Un giro articolato, pieno di svolte, salite discese curve piccole rampe e qualche bel tratto filante. Se si punta un ideale compasso su Zugliano e si traccia un cerchio di 10 km... ecco, ci sta dentro tutto il giro.
      Un percorso fatto più e più volte, alla scoperta continua dei tratti sterrati della zona, su e giù per le colline di questa fascia pedemontana ricca di storia e tradizioni. Un percorso tecnico, specialmente se fatto in autunno ed in inverno, i periodi migliori per godere di questi luoghi, fatti di paesaggi semplici ma suggestivi, di albe tremule e tramonti infuocati, di nebbioline leggere.
      Si costeggiano rogge e torrenti, si "scalano" piccole rampe, si gode della vista dei vigneti e dei piccoli boschi, di ville del Palladio e di testimonianze di archeologia industriale, di viste superbe sulle montagne e sulla pianura vicina. Un giro pensato per conoscere appieno una piccola e particolare zona, quella tra Breganze, Fara, Sarcedo, Zugliano, Salcedo, Chiuppano ,Carrè e una parte del territorio di Thiene.
      Se il territorio è circoscritto, l'impegno sarà grande e vi servirà una giornata per completarlo.
      Buon loop

      • 22 settembre 2021

  5. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    14 settembre 2021

    07:49
    98,6 km
    12,6 km/h
    1.650 m
    1.650 m
    1. Into Prealps bike adventure

      Da Caltrano, piccolo comune ai piedi dell'Altopiano di Asiago, parte la Tagliafuoco. Strada costruita per arginare gli incendi che in passato hanno interessato questo versante, negli anni è diventata una sorta di "sfida personale" per ciclisti e podisti. La strada, lunga circa 9 km, è in buona parte cementata (anche se il fondo non è dei migliori) e solo negli ultimi 1,5 km sterrata. Le pendenze sono importanti e costanti (vedere il video), e richiedono rapporti adeguati alla preparazione fisica di ognuno. Arrivati sull'altopiano, si fila rapidi tra asfalto e sterrati fino a bocchetta Paù, da dove si gode di un bellissimo panorama sulla pianura sottostante e sul Monte Summano. In questi luoghi, nel 1916, i soldati italiani, riuscirono a contrastare il contrattacco degli austroungarici e impedire che occupassero Schio e Thiene.
      Il percorso prosegue risalendo fino in località Lovarazze e scende poi a Quattro Strade. Da qui inizia una discesa, resa impegnativa dal fondo dissestato, che ci porta appena sotto il Monte Corno, anche questo luogo protagonista suo malgrado, di molte sanguinose battaglie. Un po' di asfalto ci permette di avvicinarci a Lusiana, da dove si prende una stretta strada asfaltata che presto si trasforma in sterrato, e che scende tra tornanti verso località Covolo.
      Ancora sterrato per arrivare a Lugo di Vicenza da dove si inizia a pedalare nuovamente in pianura.
      Guarda il video di questo percorso:

      • 14 settembre 2021

  6. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    8 settembre 2021

    05:19
    69,6 km
    13,1 km/h
    920 m
    920 m
    1. Into Prealps bike adventure

      Un percorso sulle colline che fanno da spartiacque tra Schio e Valdagno.
      Si parte da Creazzo, seguendo strade secondarie e sentieri tra i campi. Arrivati a San Vito di Leguzzano, si inizia a salire verso Monte Magrè inizialmente su asfalto e poi a tratti, su sentieri sassosi ma mai troppo ripidi, seguendo un tratto della strada delle Lore, costruita nel 1918. Arrivati in località Faedo si inizia a scendere in fuoristrada su sentiero piacevole e veloce. Il sentiero cambia direzione più volte mentre scende il fianco della Valle dell’Agno fino a portarci in località Cornedo. Da qui, lungo la cilabile dell’Agno si arriva a Castelgomberto e poi, lungo strade quasi deserte e percorrendo la ciclabile del Retrone, si arriva nuovamente a Creazzo.
      Se desideri ricevere la traccia gpx e vedere il video di questo giro, iscriviti alla newsletter Into Prealps dalla home page del nostro sito (intoprealps.com)!

      • 8 settembre 2021

  7. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    31 agosto 2021

    A Anna piace questo.
    1. Into Prealps bike adventure

      Quasi 50 km, tutti all'interno del Comune di Vicenza. Una piccola sfida per capire se è possibile rendere gravel la città del Palladio.
      Un po' di sterrati, molte ciclabili e strade secondarie, e qualche immancabile passaggio trafficato, ma sempre in sicurezza. Un percorso vario e sorprendente alla scoperta del comune vicentino.
      Ecco il video del percorso:

      • 31 agosto 2021

  8. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in MTB

    23 agosto 2021

    07:50
    70,9 km
    9,0 km/h
    2.690 m
    2.720 m
    1. Into Prealps bike adventure

      Un anello "croccante", come le pietre che incontrerete sotto le vostre ruote. Tante pietre. E non solo quelle carsiche del Pasubio. Un giro, và detto subito, SOLO PER MTB e per gambe allenate, e per chi non teme i tratti di portage, abbastanza frequenti durante la traversata del Pasubio.
      Ma andiamo per ordine: 70km circa per circa 2700 D+ sono quelli previsti, due terzi dei quali su sterrato. Si parte dal laghetto di Posina, pochi metri ed è subito salita, quella che porta al Passo della Borcola, tutta asfaltata ma con pendenze velenose. Sul passo, a 1250 m, si valica il confine col Trentino e, passata la chiesetta e la malga, immediatamente si svolta a sinistra su una flebile traccia tra i prati. Lasciata la parte erbosa, inizia un bel singletrack tecnico sul quale prestare attenzione, con bellissimi cambi di ritmo. Poi, per evitare un lungo portage tra alberi caduti e massi da superare, si ritorna sull' asfalto della strada principale che scende lungo la valle, sino alla frazione Geroli. Da lì, la salita inizia nuovamente a mordere, è quella del Pian del Lares, quasi 8 km per una pendenza media vicina al 10%. Dopo un breve tratto in cui si tira il fiato, si torna a salire tra pascoli, malghe e resti di antichi edifici della Grande Guerra. Dopo un suggestivo passaggio tra due alte pareti rocciose, una bella discesa porta verso malga Valli; da qui inizia una salita che, per un paio di chilometri e molta ghiaia grossa, lascerà sicuramente il segno. È la salita che porta ai Pratoni dell' Alpe Pozza, una bellissima spianata a pascoli e campi, a 1700 metri, contraddistinta da caratteristiche case di malghesi in pietra e da una vista enorme sulle valli sottostanti e le montagne trentine. Un vero spettacolo, dopo tanta fatica!!! Un posto da cartolina! Quindi discesa tecnica con stretti tornantini per immettersi nella strada che, con gli ultimi duri chilometri, conduce al Rifugio Lancia. Da lì, via alla lunga traversata in direzione 7 Croci e Porte del Pasubio, con diversi tratti di portage, soprattutto nella prima parte ma con superbe viste sul Col Santo. Quindi si passa a pedalare sotto il M. Roite su uno stretto sentiero su roccia affiorante e frammenti, sospeso sopra i mughi e la valle di Terragnolo, sul quale bisogna prestare attenzione e avere buoni riflessi e capacità di guida. Si arriva a pedalare in un ambiente severo ma spettacolare, un mondo fatto quasi di sola roccia, roccia carsica, con caratteristiche fenditure e tagli. Sulle pareti rocciose sono ancora ben visibili, scure e terribili, le entrate dei rifugi di guerra, quando soldati italiani ed austriaci si fronteggiavano a poche centinaia di metri di distanza e di mortaio. Su e giù, su e giù. Conche da crateri di mine, tracce di sentieri ovunque, resti di lamiere e scatolette di oltre 100 anni fa lungo la via. Alla vista delle famose 7 Croci, di cima Palon e del Dente Italiano e del Dente Austriaco, si può ormai sospirare di avercela fatta. La chiesetta di Santa Maria del Pasubio, " apre le porte" ad un grande, vasto e suggestivo scenario: quello del costone tagliato dalla strada degli Scarubbi, sospeso sopra la val Sorapache e, con in primo piano, l' arco romano a guardia del Cimitero della Brigata Liguria, col famoso motto "DI QUI' NON SI PASSA". La fatica sopportata in sella per lunghi tratti si scioglie difronte alla severa bellezza dei luoghi, alla suggestione della storia e al dolore di quei lontani eventi. Si imbocca la strada degli Scarubbi, 10 km di discesa veloce ma lungo la quale è bene prestare molta attenzione per i numerosi escursionisti e il fondo spesso smosso e scivoloso.
      Da Bocchetta Campoglia a Posina è poi solo asfalto. Ma tanta, tanta sarà la soddisfazione di aver concluso un giro così!

      • 23 agosto 2021

  9. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    18 agosto 2021

    A filippo de poli e Serena piace questo.
    1. Into Prealps bike adventure

      Un giro ampio, che sconfina dal territorio vicentino ma che mette assieme due realtà separate solo dal punto di vista amministrativo. Gli altopiani trentini, di Lavarone e Luserna, sono infatti direttamente collegati a quelli di Tonezza e dei Sette Comuni da bellissime strade e sentieri perfettamente percorribili anche in bici.

      • 18 agosto 2021

  10. Into Prealps bike adventure ha pianificato un giro in bici da gravel.

    5 agosto 2021

    03:48
    38,7 km
    10,2 km/h
    1.030 m
    1.030 m
    1. Into Prealps bike adventure

      Un giro breve ma intenso, che ha come obiettivo arrivare sulla cima del Monte Civillina. Si percorreranno dei tratti dell'Ortogonale 1 e Ortogonale 2, strade militari risalenti alle prima guerra mondiale e realizzate per contrastare l'eventuale sfondamento dell'esercito austro ungarico sul Monte Pasubio. Per la parte sterrata i sentieri sono spesso difficili, anche a causa delle recenti precipitazioni. La vista panoramica sulle Piccole Dolomiti e sull'Altopiano di Asiago, ripaga abbondantemente della fatica.
      Ecco il video del percorso:

      • 5 agosto 2021

  11. loading