La difficoltà dei sentieri escursionistici: la scala SAC

La scala SAC è utilizzata in tutti Paesi di lingua tedesca per determinare il livello di difficoltà dei sentieri di montagna. Creata dal Club Alpino Svizzero, la scala SAC tiene in considerazione fattori come superficie, pendenza, esposizione, esperienza, sicurezza e attrezzatura richiesta.

  • T1: sentieri escursionistici

    Sentieri privi di difficoltà. Superfici compatte e dislivelli leggeri. Nessun pericolo di caduta.

    sulla mappa komoot
  • T2: sentieri alpinistici

    Sentieri ben segnalati e privi di difficoltà tecniche. Possibilità di pericolo di caduta e di pendii ripidi in alcuni tratti.

    sulla mappa komoot
  • T3: sentieri alpinistici impegnativi

    Sentieri segnati e dotati di cavi/funi di sicurezza nei passaggi esposti. Superfici lisce e ripide. Alto rischio di caduta.

    sulla mappa komoot
  • T4: sentieri escursionistici alpini

    I sentieri potrebbero non essere segnalati e potrebbero comprendere ghiacciai, pietraie o attraversamenti ripidi non tracciati. Pericolo di caduta sulla maggior parte delle sezioni esposte.

    sulla mappa komoot
  • T5: sentieri alpinistici impegnativi

    Sentieri non segnati. Terreno difficile, pendii ripidi su roccia e su ghiacciai. Picozza e corde necessarie.

    sulla mappa komoot
  • T6: sentieri alpinistici per esperti

    Sentieri generalmente privi di traccia e con tratti d'arrampicata fino al secondo grado della scala UIAA. Terreno ripido e roccioso e potrebbe includere passaggi lunghi su ghiacciaio. Alto pericolo di caduta e di scivolamento. Attrezzatura alpinistica necessaria.

    sulla mappa komoot