komoot
  • Esplora
  • Tour Planner
  • Funzioni
Esplora

Un viaggio nei luoghi trasformati dal sisma – Cammino nelle Terre Mutate

Ragazza Paradiso 💗

Un viaggio nei luoghi trasformati dal sisma – Cammino nelle Terre Mutate

Escursionismo – Raccolta by Marika Abbà

11-24

giorni

3-6 h

/ giorno

149 mi

27.050 ft

25.825 ft

Un forte rombo, la terra che muove sotto i piedi all’impazzata, il buio, la polvere e poi il silenzio assordante. Nulla è più come prima. Giorni di ricerche, momenti di gioia mischiati al dolore che lacera nel profondo: questo è il terremoto. Dev’essere difficile svegliarsi ogni mattina con la speranza di vedere il proprio paese, la terra natia, illuminata dai primi raggi del sole e invece ritrovarla distrutta, un cumulo di macerie che ha risucchiato vite, sogni e speranze. Chi non ha vissuto questo dramma, non potrà mai capire fino in fondo cosa si prova, ma può lasciare la sua impronta nel terreno e nel cuore di chi ogni giorno apre gli occhi e ricostruisce pezzo per pezzo ciò che il sisma ha fatto cadere in pochi minuti.


Credo sia proprio questo che portò i volontari del Movimento tellurico, FederTrek e Ape Roma a tracciare il Cammino nelle Terre Mutate: dare un motivo alla gente di tornare a visitare questi luoghi per non far spegnere la piccola fiamma nei cuori delle popolazioni locali, dando a chi ha perso tutto un motivo per rimettersi sulle proprie gambe e camminare tutti insieme, mano nella mano; una solidarietà diretta che vale più di tanti striscioni o parole. Il Cammino, infatti, nacque in seguito alla “lunga marcia per L’Aquila”, organizzata nel 2012 come segno di vicinanza alla popolazione capoluogo abruzzese, sconvolta dal terremoto del 2009. Fu anche in segno di protesta per denunciare la lentezza e talvolta la mancanza di aiuti nella ricostruzione.


Il Cammino nelle Terre Mutate è un viaggio a passo lento, ma soprattutto in punta di piedi. Chilometro dopo chilometro si entra nel cuore del dramma di queste popolazioni unite da una linea di faglia, un filo d’Arianna, che dal 2009 al 2017 le ha legate ad un destino comune. Durante questo cammino, però, non dovrai lasciarti trasportare solo dalla drammaticità di ciò che è successo, ma più di ogni altra cosa dalla tenacia di chi vive e ha deciso di rimanere lì nonostante tutto. La tua presenza incoraggerà la ricostruzione dei luoghi più importanti, l’economia si rialzerà in piedi anche grazie ai tuoi piccoli gesti e acquisti. Fermati ad ascoltare i racconti degli abitanti del posto, vivi la loro quotidianità e gioisci con loro delle piccole cose: questo farà la differenza.


Il Cammino nelle Terre Mutate è composto da tredici tappe, parte da Fabriano e termina a L’Aquila, lungo le terre che, come descrive bene il nome ufficiale del cammino, sono state mutate dal sisma. Attraverserai due parchi nazionali: quello dei monti Sibillini e quello del Gran Sasso e dei monti della Laga. I panorami sono a dir poco mozzafiato: basti pensare alla Piana di Castelluccio che in primavera è un’esplosione di colore. Ti sembrerà di entrare in un quadro impressionista! Anche gli angoli più remoti, da sempre poco turistici, sapranno rapire i tuoi occhi e la tua anima.


A Fabriano si arriva facilmente sia in auto che in treno. Infatti, la città è ben collegata sia con Roma che con Milano. Se lascerai la macchina a Fabriano, una volta a L’Aquila potrai prendere il treno per tornare nuovamente al punto di partenza. L’Aquila è collegata con altre città italiane da autobus a lunga percorrenza.


Per il cammino saranno indispensabili scarponi resistenti e un abbigliamento tipico dei cammini alpini. L’itinerario si sviluppa prevalentemente sugli Appennini, quindi non dimenticarti di portare la giacca a vento impermeabile e qualche capo caldo.


Inoltre, potrai richiedere la credenziale del cammino direttamente sul sito ufficiale: camminoterremutate.org. A questo link potrai anche trovare tutti gli aggiornamenti sulle diverse tappe e le strutture ricettive presenti lungo il cammino. Ti consiglio di prenotare con largo anticipo i tuoi pernottamenti, perché in alcuni paesi sono pochi gli alloggi disponibili. Se vuoi percorrere questo cammino con la tua tenda, ti consiglio di contattare direttamente i volontari, che sapranno dirti quali sono le regole delle regioni e dei due parchi naturali che il percorso attraversa.


Buon Cammino!

Vedi sulla mappa

loading
loading

Pianifica a modo tuo

Cosa aspetti a partire? Dai forma alla tua avventura e pianifica il percorso a tuo piacere basandoti sul Tour qui sotto.

Cammino nelle Terre Mutate

146 mi

26.875 ft

25.725 ft

Ultimo aggiornamento: ‪24 maggio 2022

Utilizza il Multi-Day Planner e pianifica questa avventura utilizzando le tappe suggerite in questa Raccolta.

Scopri di più
komoot premium logo

Tour e Highlight

  • Map data © Mappa Open Street contributors

    Tappa 1: Da Fabriano a Matelica – Cammino nelle Terre Mutate

    Difficile
    07:41
    15,9 mi
    2,1 mph
    2.200 ft
    2.125 ft
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri prevalentemente accessibili. Richiesto passo sicuro.

    La prima tappa del Cammino nelle Terre Mutate parte da Fabriano, dalla piazza comunale. Questa città è davvero incantevole, si respira aria di altri tempi. È conosciuta in Italia e nel Mondo come la “città della carta”, perché è qui che la produzione ha avuto il suo massimo sviluppo in Europa, a testimonianza

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    08:00
    16,6 mi
    2,1 mph
    3.025 ft
    2.225 ft
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri prevalentemente accessibili. Richiesto passo sicuro.

    Zaino in spalla e si parte per la seconda tappa di questo grandioso viaggio. Le prime tappe toccano l’estremità più a nord dei territori colpiti dal sisma, man mano che scenderai a sud i danni si faranno sempre più evidenti; oggi inizierai lentamente ad accorgertene.

    

    Inizia la salita verso il Monte Pulischio

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Registrati e scopri luoghi come questo

    Ricevi consigli su singletrack, vette e tante altre avventure imperdibili!

  • Difficile
    06:24
    13,2 mi
    2,1 mph
    2.425 ft
    1.975 ft
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    Lascia alle tue spalle il centro di Camerino e procedi in direzione di Fiastra. La tappa di oggi ti porterà ad incontrare ben due laghi ed entrerai finalmente nel Parco Nazionale dei monti Sibillini.

    

    Il sentiero parte subito con una discesa molto accentuata per poi proseguire in piano. Non ti abituare

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    06:12
    11,2 mi
    1,8 mph
    2.600 ft
    2.600 ft
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri prevalentemente accessibili. Richiesto passo sicuro.

    I paesaggi di questa tappa sono davvero sorprendenti, si entra nel cuore del Parco Nazionale dei monti Sibillini. Il panorama intorno a te ti farà dimenticare la fatica, quindi bando alle ciance e si parte!

    

    Una ripida e rapida salita ti porta sotto la vetta del Monte Coglia; da qui la vista sul lago di

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    06:22
    12,3 mi
    1,9 mph
    2.875 ft
    2.775 ft
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri prevalentemente accessibili. Richiesto passo sicuro.

    Lascia Ussita e ripercorri un pezzo a ritroso dell’ultimo tratto fatto ieri e dopo una ripida salita prendi il sentiero che conduce a Visso.

    

    La tappa di oggi si sviluppa nell’area più colpita dal terremoto del 2016; da oggi in poi i danni e gli strascichi del sisma saranno molto evidenti, come del resto

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Intermedio
    02:56
    5,93 mi
    2,0 mph
    925 ft
    1.450 ft
    Percorso escursionistico intermedio. Buon allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    La tappa di oggi è breve, potremmo dire che è una tappa “plaisir”, perché ti permetterà al tuo arrivo di godere a pieno l’atmosfera di Norcia e, perché no, l’ottima cucina umbra.

    

    Mettiti in cammino sulla strada asfaltata fino ad arrivare a quella sterrata che ti conduce attraverso un’area rurale, utilizzata

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    05:28
    9,87 mi
    1,8 mph
    3.650 ft
    975 ft
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    Se la tappa di ieri era poco impegnativa e ottima per rilassare i muscoli del corpo, quella di oggi è impegnativa, ma non ti preoccupare, perché i paesaggi ti faranno dimenticare (in parte) la fatica. Un unico consiglio: prepara la macchina fotografica!

    

    Zaino in spalla, esci dal centro cittadino e immergiti

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    06:57
    14,6 mi
    2,1 mph
    1.450 ft
    3.450 ft
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    La tappa di oggi è una variante dell’itinerario originale. Infatti, questo tragitto evita le due tappe unite dal pernottamento ad Arquata del Tronto e va diretto ad Accumuli. Ho scelto questa alternativa ufficiale del cammino, perché per transitare nelle zone toccate dagli altri due tracciati bisogna

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Intermedio
    04:58
    9,98 mi
    2,0 mph
    2.025 ft
    1.475 ft
    Percorso escursionistico intermedio. Buon allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    Questa tappa non è molto impegnativa a livello fisico, ma avrà un forte impatto emotivo. Attraverserai le zone più colpite dai terremoti che si sono susseguiti nel 2016 e 2017; gli stessi luoghi che abbiamo imparato a conoscere dalle immagini dei servizi dei notiziari italiani e non solo.

    Prendi il sentiero

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Intermedio
    04:13
    8,58 mi
    2,0 mph
    2.075 ft
    700 ft
    Percorso escursionistico intermedio. Buon allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    La decima tappa di questo lungo viaggio ti fa entrare nell’ultima regione toccata dal Cammino nelle Terre Mutate: l’Abruzzo.

    

    Saluta Amatrice e addentrati nel bosco di cerri, un tipo di quercia, e pioppi. Salendo la vegetazione si fa sempre più rada fino quasi a scomparire lasciando così spazio ad un bellissimo

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Intermedio
    04:09
    8,03 mi
    1,9 mph
    1.600 ft
    1.600 ft
    Percorso escursionistico intermedio. Buon allenamento richiesto. Sentieri prevalentemente accessibili. Richiesto passo sicuro.

    La tappa di oggi regala davvero scenari mozzafiato, quindi prendi lo zaino e mettiti in cammino. Transiterai prevalentemente lungo aree non boschive, quindi ti consiglio di sfruttare le ore più fresche del mattino, onde evitare di far più fatica del dovuto e di disidratarti velocemente.

    

    Ti consiglio

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    07:49
    16,8 mi
    2,1 mph
    1.925 ft
    2.825 ft
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri prevalentemente accessibili. Richiesto passo sicuro.

    Penultima tappa di questo lungo cammino. Riparti da Mascioni, procedi in direzione del lago, supera il ponte e portati sull’altro versante. Qui inizia un piccolo saliscendi, che ti aiuta a riscaldare i muscoli delle gambe in vista della salita.

    

    Il sentiero si inerpica lungo pendii molto selvaggi, caratterizzati

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Intermedio
    02:42
    5,79 mi
    2,1 mph
    325 ft
    1.675 ft
    Percorso escursionistico intermedio. Buon allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    Eccoci arrivati all’ultima tappa, oggi si taglia il traguardo!

    Il tragitto è breve e molto semplice, così che tu ti possa gustare al meglio l’arrivo e i festeggiamenti di fine cammino; prima di pensare a questo, prendi lo zaino e allaccia gli scarponi; si parte!

    

    Lasciata la frazione di Collebrincioni alle

    by Marika Abbà

    Dettagli

Ti piace questa Raccolta?

Commenti

    loading

La Raccolta in numeri

  • Tour
    13
  • Distanza
    149 mi
  • Durata
    73:51 h
  • Dislivello
    27.050 ft25.825 ft

Potrebbe anche interessarti

A un soffio dal Matterhorn – Grande Balconata del Cervino

Escursionismo – Raccolta by Marika Abbà

In MTB a Sestri Levante - un tuffo nel blu

Mountain bike – Raccolta by Emiliano Manzan

Dal nord al sud della Francia lungo la costa atlantica – la Vélodyssée

Cicloturismo – Raccolta by Guillaume Favez